Il Blog di Donna Marì

  • Sposarsi è un Impresa Felice…e felice come sempre di potervi dare degli spunti

    Tra gli accessori principali della sposa non dimentichiamo il bouquet, consiglio sempre di seguire lo stile che sceglierete per il resto degli addobbi floreali. Secondo la tradizione ed il bon ton, il bouquet è l’ultimo regalo che il futuro sposo fa alla sua promessa, da fidanzato. L’acquisto è a carico dello sposo, per quanto riguarda la consegna……niente paura, potrà farlo consegnare, naturalmente la stessa mattina, direttamente dal fiorista, da un suo testimone, dalla wedding planner oppure sarà lui stesso a consegnarvelo all’ingresso della chiesa o della casa comunale se sceglierete il rito civile. Prediligete sempre i fiori in base alla stagione, benchè il mercato offra di tutto, meglio optare per quelli in fioritura. Un altro elemento fondamentale da tenere in considerazione è l’abito, il suo tessuto, la sua forma, il suo colore, il bouquet è l’elemento che rende il tutto armonioso ed elegante. Vi suggerisco alcune accortezze, visto che vi accompagnerà per tutto l’evento, non dev’essere eccessivamente pesante, deve essere composto da fiori che possano durare tutta la giornata e non macchino l’abito o i guanti e non troppo profumati, dovrà essere maneggevole con un impugnatura adeguata alle vostre mani per tenerlo comodamente. Se siete delle spose estrose, Vi ricordo che si può personalizzare, arricchendolo con decorazioni, come fili di perle, swarovski, nastri, pizzi, gioielli, piume, conchiglie o frutti e tanto altro ancora, che richiamino, le stesse, scelte per il vestito e l’acconciatura.  Non dimenticate che Il bouquet è il simbolo delle nozze, dopo l’abito è l’elemento che più rappresenta la vostra personalità, la scelta è molto delicata, deve essere adeguata, si, ai vostri gusti ma soprattutto al vostro io…non lasciate nulla al caso, deve completare e valorizzare il wedding dress, armonizzarsi con la   vostra silhouette, va portato con naturalezza ed impugnato con la mano sinistra all’altezza del punto vita. Abbiamo numerosissime proposte del bouquet da valutare: a sfera composto da fiori piccoli, a cascata, a grappolo, a fascio appoggiato su un braccio o anche un unico fiore decorato da nastri, gioiello, simple chic, english style, bucolico-campestre, a pochette a ventaglio, glam-rock, ecc. Una chicca per le spose feshioniste, torna dal design innovativo, il portabouquet, come esibirlo elegantemente, oggi si predilige in argento, nato nella metà dell’Ottocento, come accessorio da sera, in materiali raffinati e preziosi: pietre dure, avorio, argenti dorati e smalti. Per le più tradizionaliste, potrei suggerire di riproporre i fiori scelti dalle nonne o dalle mamme. Alla fine del ricevimento, ricordate di lanciare il bouquet, dando le spalle a tutte  le invitate nubili, è un momento clou dell’evento, la fortunata, si sposerà in tempi brevi. In alternativa, la sposa potrà regalarlo alla sua migliore amica. Se, invece, desidera lasciare un ricordo a ciascuna delle single, il bouquet deve essere composto da tanti mazzolini che saranno equamente distribuiti. Infine, se desiderate conservare il bouquet, trasformandolo in pot-pourri ma non volete saltare la tradizione del lancio è possibile farsene confezionare dal fiorista uno più piccolo. Per le prossime emozioni …al prossimo appuntamento.

     

  • Pensavo fosse un sogno, quando  ho ricevuto la prima  telefonata dalla redazione del Settimanale Vero. Ero incredula, pensavo di svegliarmi da un momento all’altro…invece no, quando dall’altro capo del telefona la voce sicura e chiara mi comunico tempi e battute!!!! Mi resi conto che non stavo affatto dormendo e che dovevo rispondere nell’immediato, dissi : SIIIIIIII

  •  

    Un “perfect wedding ”, lo riconosci dai dettagli, le partecipazioni e gli inviti, rappresentano un tassello fondamentale.

    Inviti e o partecipazioni di nozze? Si crea sempre una gran confusione!!!!! Vi garantisco che c’è una differenza importante. Inoltre, inizialmente può sembrare una scelta facile e banale, ma quando arriverà il momento, vi accorgerete che non è poi così semplice. Ricordate! è il primo dettaglio che i vs ospiti vedranno del vostro evento. La partecipazione ha unicamente lo scopo di annunciare il matrimonio e può o meno essere accompagnata dall’invito. L’invito indica i dettagli relativi al ricevimento, che si terrà dopo la cerimonia, va incluso nella busta di coloro che intendete invitare al vostro wedding day, specificando, la data, il luogo, il dressing code e come sempre vi consiglio una simpatica cartina, per agevolare e facilitare l’accesso alla location. L’invito è composto da un cartoncino, dello stesso tipo di carta della partecipazione, stampato con gli stessi caratteri, naturalmente di formato più piccolo. Riporterà, una breve frase a vostro piacere, tipo

    Giulia e Maurizio

    intratterranno parenti ed amici

    presso Hotel Spa Villa del Mare – Via Acquafredda  – Maratea ( PZ )

    R.S.V.P.

    Rimanendo, sempre nel canone del buon gusto, consiglio a tutti voi di personalizzarle, ci sono articoli meravigliosi, che possono essere alternative alla scelta tradizionale e classica.

    Inoltre, in calce all’invito potete aggiungere la formula RSVP, acronimo di Répondez s’il vous plait ( termine francese ), tradotto in Si prega di rispondere, usato per richiedere una conferma della presenza all’evento. Utilissimo agli sposi per programmare il numero dei posti a tavola, le loro disposizioni, e tutte le altre attività logistiche.

    Come Donna Marì Wedding & Events Planner, suggerisco sempre, di invitare lo stesso numero di familiari ed amici sia in chiesa che ai festeggiamenti, per evitare di offendere qualcuno. La tradizione vuole che l’annuncio sia dato dai genitori dei futuri sposi, però visto che tutto si evolve, il più delle volte sono gli stessi, ad annunciare a parenti ed amici la lieta notizia, oppure, se convivono da tempo e nel caso abbiamo genitori separati. Lo stesso vale per l’onere della stampa, dovrebbe pensarci la famiglia della sposa, però è sempre più frequente che siano direttamente gli sposi ad occuparsene. Sia gli inviti che le partecipazioni, vanno spediti dai due ai tre mesi prima, dalla data fissata per le nozze. Possono essere consegnati anche a mano, dagli sposi o dai rispettivi genitori. E’ importante che le partecipazioni e gli inviti, siano in tema con il tono della cerimonia e del ricevimento. Mi raccomando, comunicate con classe! in primis la scelta della carta, è fondamentale come la qualità della stampa, devono essere all’altezza dell’impressione che volete dare ai vostri invitati. Per cui, al minimo errore nelle prove, non temete di chiedere le dovute correzioni ogni qualvolta lo ritenete necessario. Vi indico solo alcune tra le tante che avrete modo di prediligere, la “ carta a mano “, fabbricata con le tecniche di Fabriano o Amalfi “composto da materie prime, come cotone, canapa, lino, ecc, la “ carta di riso o Washi “, lavorazione manuale, con le piante di Kozo, Gampie e Matsumata, di origine giapponese, la Pergamena, conosciuta anche come cartapecora o carta Pecudina, si ottiene dalla pelle di animale, non conciata, la  “carta di Pietra “, bianca, vellutata e impermeabile, si ottiene dalle polveri sottili di sasso, la  “carta Velina “, trasparente, leggera e sottile e non ultima  la “carta Riciclata “, composta prevalentemente da carta da macero, richiede un processo di sbiancamento per ottenere l’utilizzo finale. Non sottovalutate i caratteri o il font, linee moderne, definite “ bastoni” o classiche e tradizionali, chiamate “ grazie”. La schiccheria è scriverle in bella calligrafia, da esperti amanuensi! Come vi anticipavo in un articolo precedente, da oltre Oceano, abbiamo la possibilità di scegliere tra tante idee innovative, partecipazioni ed inviti, scritti con inchiostro profumato, stile pop up, dischi in vinile che nascondono gli inviti e per gli sposi 3.0, con codice QR e compilation delle nozze, allegata. Non dimentichiamoci le stampe vintage e Shabby Chic e non dimentichiamo le buste, quadrate, rettangolari, o in formati particolari, purchè in stile con le partecipazioni, volete l’eleganza assoluta? Timbri in ceralacca, senza escludere quelle con fregi, iniziali, disegni di ogni tipo, a condizione chè, rispecchino classe e bon ton. La moda, suggerisce di allegare il Save the Date, un vero e proprio reminder per i vostri ospiti, vicini e lontani. Un cartoncino o una cartolina, che ricordi a tutti la data delle vostre splendide Nozze. Per i modaioli, la tendenza è creare un blog del proprio wedding, oppure creare una pagina FB, il cui indirizzo sarà stampato sull’invito. I social, vi permetteranno di inserire, anche in maniera spiritosa, tutte le indicazioni utili agli ospiti, come informazioni sia sulla lista che il viaggio di nozze, togliendo tutti dall’imbarazzo di chiedere.

    Non limitatevi al numero di partecipazioni ed inviti stilato, abbondate, vi dimenticherete di certo qualcuno!!!Successivamente al matrimonio, è di grande effetto, inviare i bigliettini di ringraziamento, che possono essere scritti anche a mano, non sono obbligatori ma sempre molto apprezzati.

    Per dubbi, curiosità e domande, sarà un vero piacere, rispondervi!

    Donna Marì ( Mariangela De Biase )

    Sposarsi è un Impresa Felice

     

  • SPOSARSI è UN IMPRESA FELICE………. La mia debolezza….l’ospitalità, come per gli antichi greci, non era un dovere bensì un vero e proprio piacere…..per tanto
    RINIZIO PIACEVOLMENTE IL MIO VIAGGIO CON VOI TUTTI…..dopo un corso di aggiornamento di Blogger e Social Influencer, qualche giorno fà a Milano, un pò per capire un pò per curiosità di conoscere la grande foodblogger Chiara Maci, la quale mi ha bacchettato dicendomi di scrivere prima per il mio blog e poi per tutti gli altri!!!!!! Rientrando a Roma in treno e da sola, avendo tutto il tempo di pensare, ho deciso di rispolverare il mio blog…….
    Read More

  • Organizzare un matrimonio è come girare un bellissimo film d’amore…splendidi set, diversi, unici. Il mondo è ricco di meravigliosi luoghi, con la propria magia ed il proprio fascino. Due splendi protagonisti, si sono trovati…si sono scelti, Cupido ha deciso….. Inizieranno la loro storia d’ amore…..
    Un bravo regista, dirigerà tutto lo staff…può scrivere una bellissima sceneggiatura, scegliere le migliori musiche adatte, le scene da tenere, come impostare le luci…i set, la fotografia, le colonne sonore …..CIAK..SI GIRA…E VISSERO FELICI E CONTENTI..

  • Prendete il panorama mozzafiato del Hotel Spa Villa del Mare…amalgamatelo con il profumo del mare….una miriade di colori….un arcobaleno di fiori, una mise en place candida con una nuance di fuxia….. voilà il vostro wedding day è perfetto.

  • Sì, oggi è possibile grazie a strutture super attrezzate rese disponibili a Caicchi e Velieri, un progetto sognato e realizzato in Basilicata, a Maratea, da Mariangela De Biase e Vincenzo Guzzardi.
    L’agenzia Caicchi e Velieri ha selezionato una serie di imbarcazioni altamente sicure e fornite di comfort e servizi adatti ai passeggeri. Grazie a personale professionale e preparato è possibile realizzare a bordo ricevimenti wedding, anniversari, compleanni, ecc.
    Caicchi e Velieri vi offre: meeting, charter settimanali, escursioni giornaliere, e naturalmente cerimonie e wedding. Per prenotare il vostro evento visitate www.caicchievelieri.com.

  • Per Donna Marì Wedding Planner si apre ufficialmente la stagione dei matrimoni 2013… tra l’altro “ufficialmente” online con il sito e il blog, devo confessarvi… con un pizzico di emozione…
    Anche se ho iniziato a prendermi cura dell’organizzazione di matrimoni o weddings (come preferite) un pò di anni fà… circa 18, credo di avere anticipato di qualche annetto, la splendida Jennifer Lopez… in “Prima o poi mi Sposo” (The Wedding Planner).